Gamification, come mai le slot machine sono sempre più simili ai videogame?

0
17

Con il termine di Gamification ci si riferisce, nel mondo delle slot machine, alla rivoluzione che negli ultimi anni ha trasformato le vecchie macchinette tradizionali in apparecchi quanto più simili ai videogiochi, esercitando una vera influenza di un ramo sull’altro. Oggi come oggi new slot e VLT sono sempre più simili ai videogiochi e sempre più caratterizzate da elementi collegati al mondo dell’intrattenimento.

La Gamification dei giochi da casinò

La gamification delle slot machine ha sempre preso più piede tanto è che oggi, le nuove slot machine online, vengono presentate e lanciate sul mercato come se fossero veri e propri videogiochi. Un successo ben oltre ogni più rosea previsione che sta rivoluzionando il mondo delle slot machine online, ma anche quello dei videogiochi.

Emblematico, in questo senso, il caso di Candy Crash, il celebre gioco di Facebook reso popolare dal social nell’ultimo decennio e da oltre 500 milioni di utenti mensili. Si tratta di un gioco che condivide con le slot machine gratis più di una caratteristica, alla base del suo DNA: un insieme di tecniche simili e il fine comune di divertire e intrattenere il giocatore. L’unica differenza, ad una attenta analisi, consiste nel risultato finale: giochi come Candy Crash non comprendono la vincita in denaro, che è il presupposto, invece, per slot e casinò games.

Le skills

Videogame e slot, prima di tutto, condividono le skills, le caratteristiche. Tra queste la visual and audio rewards. Il gioco si basa su una serie di sfide da superare, dopodiché si ha accesso ai rewards, le congratulazioni, visive o auditive, che stimolano i recettori del piacere nel cervello, accrescendo la soddisfazione del giocatore. Nei videogiochi spesso troviamo suoni che indicano la fine della sfida, nelle slot machine invece generalmente quello della moneta, anche quando si giunge ad una combinazione vincente sugli spinning reel. Le luci, la musica, le animazioni, sono tutti stimolanti.

Il mercato delle slot online è il fiore all’occhiello dell’IGaming e, coi videogiochi, condivide un’altra skill ancora: quella del near-miss, le scuse ufficiali, quelle che illudono il giocatore nella speranza che un prossimo tentativo andrà meglio. Nelle slot machine online il meccanismo è identico e può essere rappresentato riportando l’esempio “cherry, cherry, bell”.

Ancora: pensiamo alla cosiddetta Skinner’s box, la certificazione della nostra tendenza a trovare modelli anche quando non li possiamo osservare, motivazioni fittizie che non rispecchiano la realtà: si tratta di uno degli errori più commessi dai giocatori e si riferisce al fatto che se un numero non esce da un po’ di tempo, uscirà sicuramente in un futuro prossimo.

Altro punto in comune è il “leveling up”, che nelle slot è tradotto in “Progression System”, in cui ogni livello ha una storia con degli obiettivi e la missione è quella di arrivare al livello finale. Nel popolare gioco Aliens consiste nello sconfiggere, per esempio, la regina aliena. Per chiudere questa carrellata, è utile un riferimento al power-up, le vite extra dei videogame corrispondenti a jolly, scatters, multipliers, free spins e bonus games nelle slot digitali, tutti elementi usati per stabilizzare la percentuale di payout e capaci di rendere il gioco divertente, accattivante ed attraente per il potenziale consumatore

Articolo precedenteLotta al contante: sondaggio Satispay su oltre 3.500 negozianti
Articolo successivoAccedere a qualsiasi sito sul web usando una VPN
Silvy Pellegrino
Ciao sono Silvana! Sono un Architetto con la grande passione per la tecnologia ed il web! Dal 2003 scrivo su Webisland.net, facendo la Content manager, la Social Media Manager e, quando riesco, anche la webmaster (per quel poco che so di programmazione!): il mio approccio con l'informatica è partito proprio dai linguaggi HTML e PHP...che successivamente ho trascurato (anche perchè iniziavano a nascere script chiavi in mano, come Wordpress, sul quale è costruito questo blog) per dedicarmi all'attività di SEO Specialist. Insomma...cerco di "arredare" questo sito proprio come farei con la mia dimora; tanto per non dimenticare le cose che ho studiato all'Università :)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here